Chelazione ionica e LOTUS-XE

Prima di entrare nel vivo sull’argomento LOTUS-XE, permettetemi una breve digressione, quel tanto che basta per poter apprezzare di più il seguito…

Sangue e Globuli rossi

Il sangue nel corpo umano è composto da miliardi di globuli rossi (eritrociti) ed una singola goccia di sangue ne contiene milioni. Un globulo rosso normale ha la forma di un disco con il centro più sottile del bordo che, quando è osservato al microscopio, è evidente come un area di colore differente. All’interno di ogni singolo globulo rosso, è presente l’emoglobina (Hb), una proteina che si lega in modo labile all’ossigeno trasportandolo ai tessuti dopo aver fatto rifornimento nei polmoni. L’emoglobina, in parte poi recupera l’anidride carbonica prodotta come scarto del metabolismo degli organi, delle cellule e dei tessuti e contribuisce alla sua eliminazione.

I globuli rossi, devono essere presenti in giusto numero, per svolgere correttamente la loro funzione di trasporto dell’ossigeno, e devono essere NORMALI. Cioè, devono avere le giuste dimensioni, il giusto colore, la giusta forma e disposizione delle tra di loro. Se ad esempio ad un analisi microscopica risultano impilati, può essere indice di qualche difficoltà nella nostra fisiologia, nel nostro metabolismo. Il sangue impilato è meno fluido e ha una minore capacità di trasportare ossigeno provocando carenza di ossigenazione (ipossia) e aumento dei Radicali Liberi.

I globuli rossi tra di loro devono essere di dimensione simile, e la loro forma deve essere regolare. Anche quando presenti in numero ridotto, delle forme insolite dei globuli rossi possono essere indicazione di uno stato di alterazione o di una patologia.

Quando i globuli rossi presentano delle anomalie, non svolgono le loro funzioni correttamente e si ha una diminuzione della funzionalità, del trasporto dell’ossigeno e dell’eliminazione dei gas di scarto dall’organismo. Per conseguenza si ha un incremento delle difficoltà fisiologiche e metaboliche per il cuore e, più in general per tutti gli organi.

Ad esempio i globuli rossi detti echinociti hanno una forma di riccio (echinocita deriva dalle parola greca che significa “riccio di mare”) questa alterazione della forma, può essere il risultato dell’ambiente cellulare, dei valori di pH, della presenza di deficit metabolici (deficit di piruvato chinasi), dell’uso di sostanze chimiche, oppure possono essere anche associate a malattie, come l’uremia che si può verificare quando l’urea o altri prodotti di scarto aumentano nell’organismo, poiché i reni non sono in grado di eliminarli.

Cosa c’entra LOTUS-XE con il sangue?

Date un’occhiata e giudicate voi stessi

La prima immagine è stata fatta con un vetrino di sangue fresco prelevato prima del trattamento con LOTUS-XE, la seconda dopo sette ore dal trattamento.

Prima del trattamento con LOTUS-XE 

Dopo sette ore dal trattamento LOTUS-XE

Proviamo confrontare le due immagini; quali sono i cambiamenti più evidenti?

guardando le due immagini, si può osservare

  • miglioramento dell’aggregazione con i globuli rossi che sono più distanziati.
  • miglioramenti delle dimensioni: globuli rossi che sono più grandi ed è più ampia la parte centrale che occupa circa i due terzi della cellula ematica.
  • miglioramento della forma, i globuli rossi più rotondi e generalmente con la forma regolare, ma soprattutto
  • non sono più visibili degli eritrociti malformati, presenti invece prima del trattamento (evidenziati dalle frecce).

La variazione dopo il trattamento con LOTUS-XE, a livello dei globuli rossi si vede chiaramente!

Il miglioramento delle caratteristiche morfologiche (forma) delle cellule dei globuli rossi determinano anche un potenziale per il miglioramento del loro funzionamento con possibili ripercussioni a cascata sul benessere generale dell’organismo ed una riattivazione dell’energia vitale del corpo. Ma non solo…

Il nostro corpo umano funziona al meglio quando gli ioni sono bilanciati all’80% negativo e al 20% positivo. LOTUS-XE attraverso un processo elettrolitico, carica l’ambiente acquoso di ioni negativi e lo satura di ossigeno, il loro assorbimento attraverso la pelle, permette di riportare le cellule in equilibrio e favorisce il loro fisiologico funzionamento tra cui la naturale funzione disintossicante della cellula.

Ma di questo ne parleremo in un altro articolo.

LOTUS-XE può sostituire un trattamento terapeutico medico?

Ovviamente NO!

Pur producendo benessere e portando benefici, questi trattamenti, non devono essere confusi in alcun modo con trattamenti di tipo medico e curativo, per i quali è sempre necessario ed è fondamentale rivolgersi alle strutture preposte ed ai professionisti abilitati per questo.

Il trattamento con LOTUS-XE non appartiene a cure o terapie mediche, ne fa parte di un sistema per la cura  di malattie; non ha in nessun modo una valenza terapeutica o medica. Questo però non esclude la possibilità di contribuire al benessere della persona e di stimolare le risorse naturali dell’individuo. Il trattamento con LOTUS-XE ha infatti una funzione riequilibrante e disintossicante che in linea di principio è assimilabile a pratiche come la sauna o il bagno turco: I benefici con LOTUS -XE però sono diversi e molto più profondi!

PER SAPERNE DI PIU’?

Siamo a tua disposizione nelle delle due sedi in Umbria e Lombardia

Grazie per aver letto fino a qui…..

condividi
marzia cristiana rosi
 

Click Here to Leave a Comment Below 0 comments

Leave a Reply: